L’Oscurità Colorata


il vento accarrezza il mio viso.
i capelli inquadrano il mio volto.
gli occhi socchiusi sono privi di vita.
non c’é niente da fare, non c’é piú molto.
il prato verde primaverile crea un letto morbido.
ornamenti colorati, fiori rossi, blu e gialli
compongono un silenzioso quadro.
una natura morta e una pace ingannevole,
la quiete regna l’immagine.
il corpo é esposto ai caldi raggi del sole
i quali salutano per un’ultima volta.
il respiro é piatto e faticoso, a malapena percepibile.
sull’etere cantano gli uccellini vivacemente la mia colonna sonora.
l’orecchio ascolta e subito si forma un tenero sorriso sulla mia bocca.
allora mi lascio andare e mi abbandono, sprofondo nella terra umida.
con ogni respiro sparisce qualcosa e soltanto i ricordi rimangono qui –
nella mia testa e nel mio cuore –
sono proprio essi che peró mi porto lontano.
la tranquillitá sta dalla mia parte
ed elimina la crudele sensazione dell’orrore.
il papavero mi coccola con dolente tenerezza
il dente del leone lo imita.
il succoso prato forma un mio eterno letto
su cui mi concedo una meritata pausa.
sotto il cielo primaverile fuoriesce dal mio ventre la vita terrestre
per poter poi intraprendere una nuova, sconosciuta e lunghissima retta.

Advertisements

Ein Gedanke zu “L’Oscurità Colorata

Kommentar verfassen

Trage deine Daten unten ein oder klicke ein Icon um dich einzuloggen:

WordPress.com-Logo

Du kommentierst mit Deinem WordPress.com-Konto. Abmelden /  Ändern )

Google+ Foto

Du kommentierst mit Deinem Google+-Konto. Abmelden /  Ändern )

Twitter-Bild

Du kommentierst mit Deinem Twitter-Konto. Abmelden /  Ändern )

Facebook-Foto

Du kommentierst mit Deinem Facebook-Konto. Abmelden /  Ändern )

w

Verbinde mit %s